Dal MyArt Film Festival ai David Di Donatello
  • 22
  • 12

Otto film transitati dall’edizione 2018 del MyArt Film Festival sono ora candidati ai David Di Donatello, il Premio che dal 1956 viene assegnato alla migliore produzione cinematografica italiana e straniera. Una candidatura che inorgoglisce l’organizzazione del MyArt, perché è anche segno che la rassegna-concorso di Cosenza, dedicata al cinema indipendente che offre una narrazione alternativa su immigrazione e diritti umani – organizzata dall’Associazione Culturale Multietnica “La Kasbah” e dalla giovane casa di produzione cinematografica LagoFilm – sa intercettare il meglio della produzione documentaristica internazionale.
Si tratta dei documentari “Arrivederci Saigon” di Wilma Labate; “It Will Be Chaos” di Lorena Luciano e Filippo Piscopo; e “Beautiful Things” di Giorgio Ferrero e Federico Biasin, che ha ricevuto la menzione speciale della giuria del MyArt 2018; e dei cortometraggi “Balo“, di Marco Di Gerlando e Ludovica Gibelli; “La buona novella”, di Sebastiano Luca Insinga; “Magic Alps” di Andrea Brusa e Marco Scotuzzi; “Maramandra”, di Lele Nucera; e di “Krenk”, di Tommaso Santi, che al MyArt 2018 si è aggiudicato il primo premio della sezione cortometraggi.

More News
  • 1 Mag 2017
  • 0
“The black sheep” di Antonio Martino premiato come miglior documentario alla prima edizione del MYArt Film Festival, che si è chiuso stasera al cinema San...
  • 14 Nov 2018
  • 0
E’ possibile fare cinema in Calabria? Esistono le strutture produttive e l’indotto? Qual è il ruolo della Film Commission e cosa sta facendo? Se ne...
  • 16 Nov 2018
  • 0
Come funziona la tratta dei migranti in Libia? Chi la gestisce? E ancora: La Guardia Costiera libica combatte i trafficanti oppure è collusa? E come...